Home page Al Gran Sole
Produzioni Artistiche

Progetto Dante

Undici stazioni sulla Divina Commedia per Quartetto d’archi


2012-2013, Durata: 67’

soggetto di Antonio Pileggi s.j.

regia di Francesco Leprino

 


PARTE I: INFERNO, Discesa e Disumanizzazione
PARTE II: PURGATORIO, Salita e Beatitudini
PARTE III: PARADISO, Canto e Tre studi sulla Luce

QUARTETTO PROMETEO:
Giulio Rovighi e Aldo Campagnari,violini
Massimo Piva, viola
Francesco Dillon, violoncello


Produzione: Fondazione Culturale San Fedele

Premio San Fedele Giovani Artisti 2010-2013

Direzione Artistica: Alfonso Alberti, Antonio Pileggi s.j.


Con il patrocinio di: Comune di Milano
In collaborazione con il Goethe Institut Mailand
Registrazione: Auditorium San Fedele, Milano, 4 novembre 2012
Suono: Vittorio Missoli e Virginio Besenzoni
Cameramen: Enore Montini, Sergio Cavandoli, Francesco Leprino, Tony Correnti
Luci: Francesco Leprino, Sergio Cavandoli


Un anno di ricerca dei compositori finalisti del Premio San Fedele per realizzare un itinerario musicale per Quartetto d’archi in 11 stazioni sulla Divina Commedia. L’operadantesca è un viaggio conoscitivo attraverso il dramma della libertà umana; è un processo di umanizzazione che avviene nell’incontro di sé, dell’uomo e dell’Altro; è una visione olistica dell’esistenza umana; è un percorso che conduce all’identificazione del desiderio ultimo del cuore umano.
Sono stati scelti alcuni elementi caratteristici delle tre cantiche, musicalmente e simbolicamente significativi: la staticità e lo smarrimento dell’Inferno, le beatitudini del Purgatorio e la luce del Paradiso.

Note di regia visiva

La tematica del Progetto Dante e le suggestioni musicali hanno condizionato fin dal principio la tipologia e il taglio delle riprese, le luci, i movimenti di camere.
Il montaggio ha seguito strettamente la fraseologia musicale, a volte aderendovi ritmicamente, a volte contrappuntandone il ritmo. In ambedue i casi il montaggio ha cercato di creare una punteggiatura ulteriore, assecondando quella musicale e, a volte, sovrapponendo uno strato ulteriore. Il tutto finalizzato a rendere più intellegibile percettivamente la trama sonora delle composizioni.
In fase di postproduzione si è intervenuto sulle immagini a livello di colorimetria, di elaborazione a volte radicale, di ulteriori trasformazione della luminosità, per sottolineare in maniera non pedissequa o retorica il rapporto tenebre/luce delle cantiche dantesche e il loro significato simbolico. (Francesco Leprino)

Home page Al Gran Sole